Come organizzare un weekend ad Amsterdam

Innanzitutto, il fatto di aver deciso la destinazione vuol dire essere già a metà dell’opera, dopo di che, il resto è tutto in discesa (si fa per dire). Dunque, Amsterdam è la nostra destinazione, la Venezia del nord, la chiamano, per via dei suoi pittoreschi canali e le case che si affacciano sull’acqua, ma è anche la città delle biciclette e dei musei.

weekend ad Amsterdam

Nell’organizzare un weekend ad Amsterdam, o comunque un viaggio, soprattutto se il tempo a disposizione non è moltissimo, si seguono due diverse correnti di pensiero: vedere il maggior numero di cose durante il weekend di vacanza, oppure scegliere poche cose, solitamente i “must have” del nostro viaggio in base agli interessi (nessuno vi vieta di fare 4 giorni di tour per coffeeshops e pasticcerie, tanto per intenderci). Io, personalmente, preferisco la seconda opzione, poche cose, ma fatte bene.

IL MOMENTO CULTURALE E DI SCOPERTA DELLA CITTA’

Di 50 musei disponibili non si può di certo pensare di visitarli tutti, bisogna fare una cernita, credo che 3 possa essere un numero accettabile, tra i quali sicuramente quello di Van Gogh e la Casa di Anna Frank, considerando il fatto che si ha a disposizione solamente la durata di un weekend. Lo stesso vale per i monumenti, anche se prendere a noleggio una bicicletta potrebbe essere un’opzione da valutare seriamente, visto il numero di piste ciclabili presenti in città.

amsterdam-bici

Passeggiare per le strade, o fare il giro dei canali, lasciandosi ammaliare dalle strutture architettoniche tipiche olandesi è parte del gioco, preparati a macinare chilometri senza accorgertene, con la sola incertezza di dove girare lo sguardo.

IL MOMENTO GASTRONOMICO

Non si può andare un weekend ad Amsterdam senza prendere in considerazione il momento gastronomico! Chi non mangia viaggia solo a metà, di questo sono estremamente convinta, per cui, nell’organizzazione del viaggio, sicuramente saranno previste un paio di soste per lasciare che le papille gustative facciano festa davanti ad un panino con l’aringa, una fetta di torta di mele con della panna montata a parte oppure delle deliziose poffertjes (piccole frittelle tonde cosparse di zucchero a velo).7

I deliziosi poffertjes, sorta di pancakes olandesi

IL MOMENTO GOLIARDICO

Guardiamoci un attimo negli occhi, non si va ad Amsterdam solamente per fare romantici giri in bicicletta e per aumentare la propria cultura generale, prima di riempirsi la pancia con le leccornie appena citate, è lecito fare un salto in questi famosissimi coffee shop regalando a sé stessi un po’ di relax. Qualche ora, in un weekend, la si può dedicare al puro rilassamento, in fondo, siamo anche in vacanza, ci sta!

Amsterdam di notte

La sera, la passeggiata per il quartiere a luci rosse è obbligatoria, d’altronde è parte integrante, oltre che caratteristica, della città, facendola di sera si lascia più tempo durante il giorno per visitare Amsterdam, perdendosi anche un po’ tra le sue vie e i suoi canali.

IN CONCLUSIONE

Un weekend ad Amsterdam sembra poco, ma se si riesce a trovare il giusto equilibrio tra il momento culturale, quello gastronomico e quello goliardico, tenendo conto del tempo che ci si impiega a visitare un museo, piuttosto che i minuti che ci si mette a divorare una tipica zuppa olandese, non sarà difficile tornare a casa soddisfatti.

Cosa non meno importante nell’organizzazione del viaggio, prima di partire, è l’attenta preparazione dell’ideale zaino da backpacker, con tutto l’indispensabile, ottimizzando lo spazio, ma soprattutto stando attenti a non renderlo troppo pesante: alla fine dei conti, sei tu quello che lo porterà sulle spalle!

Il salotto dell'ostello Heart of Gold

Da non sottovalutare la scelta dell’ostello in cui alloggiare: c’è chi preferisce una posizione centrale, come quella del Heart of Amsterdam, in modo tale da avere tutte le maggiori attrazioni a portata di mano, oltre che la vita notturna; oppure, chi preferisce una zona leggermente più periferica, fuori dalla griglia di canali, ma comunque comoda come quella dello Stayokay Amsterdam Vondelpark.

La lista degli ostelli ad Amsterdam è comunque lunga e variegata, pensa che addirittura ce n’è uno per sole donne, l’Hostelle.

hostelle-amsterdam

 

Elisa Pasqualetto 
HOSTELSCLUB TEAM

Lascia un commento